CONFERENZA STAMPA - Alessandro Nesta: "Bene nel primo tempo, nella ripresa ci siamo abbassati troppo. Comunque abbiamo vinto e sono davvero soddisfatto"

02.11.2020 00:29 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: frosinone calcio
CONFERENZA STAMPA - Alessandro Nesta: "Bene nel primo tempo, nella ripresa ci siamo abbassati troppo. Comunque abbiamo vinto e sono davvero soddisfatto"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Le parole di mister Alessandro Nesta come di consueto nella conferenza stampa col Media Center del Frosinone Calcio.

Mister Nesta, vittoria fondamentale, sofferta che permette al Frosinone di raggiungere la vetta della classifica e realizzare il quinto risultato utile consecutivo. Come la commenta lei questa partita?

“Nel primo tempo abbiamo giocato molto bene, eravamo freschi e siamo riusciti sia a far girare il pallone in maniera perfetta sia a trovare Ciano che Rohden tra le linee. Potevamo chiudere il primo tempo con un risultato più ampio. Nel secondo tempo la partita è cambiata, ci siamo abbassati perché non riuscivamo più a risalire il campo ed abbiamo anche cambiato modulo. Siamo stati settimane in cui abbiamo lavorato su questi aspetto, sapevamo che avremmo potuto avere qualche difficoltà però non avendo avuto tanto tempo prima a disposizione abbiamo un po’ forzato. Comunque abbiamo vinto e sono davvero soddisfatto”.

Come sta Capuano? Qual è stato il problema che gli ha impedito di proseguire la partita?

“Prima dei playoff aveva avuto un problema al flessore, quest’anno ha ripreso e lo ha avuto di nuovo. Un fastidio che non gli permette di avere continuità, speriamo che lo risolva prima possibile”.

Che peso specifico ha questa vittoria?

“Importantissima per tanti motivi ma soprattutto perché è la quinta partita senza prendere gol e dà consapevolezza nei mezzi che abbiamo. E’ stata difficile conquistarla ma come ho detto prima, il primo tempo poteva chiudersi anche sul 2-0”.

Nel secondo tempo meglio la Cremonese. In campo ci sono giustamente anche gli avversari ma come mai nella seconda frazione la sua squadra ha tenuto il baricentro basso e stentava a ripartire, escluso nel recupero?

“Probabilmente perché abbiamo smesso di giocare, quello che avevamo fatto molto bene nel primo tempo. Ci siamo abbassati, in quei frangenti se non tieni il pallone poi è complicato uscire dalla tua area di rigore. La ripresa non è stata il massimo ma l’importante in questi casi è l’aver portato in dote il risultato pieno”.

Come giudica l’ingresso di Parzyszek nel finale?

“Ha bisogno di adattarsi a questo nuovo campionato, a questo inedito modo di lavorare per lui. Sta facendo un po’ fatica ma prenderà la giusta condizione, il giocatore è forte e ci darà soddisfazioni. Sono sicuro”.

In altre occasioni abbiamo sottolineato la prestazione degli attaccanti, questa volta una nota di merito va alla difesa ed a Bardi che ha raggiunto i 483’ (sono 518’ compresi i recuperi delle 6 gare e 33’ più i 3’ di recupero dopo la rete di Moreo, ndr) di imbattibilità con un paio di interventi decisivi.

“Tutti hanno difeso, tutti hanno partecipato alla fase difensiva. Abbiamo visto Ciano, Novakovich difendere. Quando tutti lavorano allo stesso modo, i difensori hanno un compito agevolato”.

Ha dato fiducia all’undici di Pescara, sono questi i suoi titolari?

“Noi abbiamo una rosa che non è allo stesso livello per condizione fisica. Stiamo semplicemente facendo giocare quelli che stanno un po’ meglio sotto quel profilo. Dobbiamo solo cercare di recuperare tutti e portarli allo stesso livello, come ho detto altre volte”.