Frosinone, ecco Luca Moro: 10 curiosità sul suo conto

22.06.2022 15:30 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    vedi letture
Frosinone, ecco Luca Moro: 10 curiosità sul suo conto

Conosciamo meglio il lato personale e calcistico di Luca Moro, prossimo attaccante giallazzurro, attraverso un concentrato di 10 curiosità sul suo conto: 

1) I suoi idoli

“Quando ero piccolo c’era il Padova con una grande squadra, in cui giocava anche Stephan El Shaarawy, andavo spesso a vederla. Come punte centrali, però, mi sono sempre ispirato a Robert Lewandowski e Cristiano Ronaldo per la sua mentalità e il suo impegno. Un attaccante italiano? Mi hanno paragonato a Luca Toni, ma ogni giocatore ha una sua storia”. (Intervista a goal.com)
Lewandowski gli ha inviato un videomessaggio di complimenti attraverso Gianni Bianchi, uno dei massaggiatori del Bayern Monaco

2) La cura dell’alimentazione

“Dall’anno scorso ho iniziato a curare l’alimentazione, adesso sto molto più attento. Prima mangiavo di tutto, d’altronde il metabolismo da giovane te lo consente. Da quando ho regolato la mia alimentazione, più che differenze fisiche, percepisco più forza e vigore in allenamento. Ho iniziato anche a lavorare con gli elastici per rendere più esplosivi glutei e gambe”. (Intervista a cronachedispogliatoio.it) 

3) Il piano B 

“Mi sarebbe piaciuto lavorare nel mondo bancario. A scuola sono sempre andato bene e mi piaceva la matematica. Non ho mai avuto problemi nello studio. Mi sarebbe piaciuto anche fare il ciclista, quello sport è una passione di famiglia”. (Intervista a goal.com)

4) Un passato da difensore 

“Quando sei piccolo giochi in tutti i ruoli, mi mettevano difensore centrale per poi lasciarmi andare dove volevo. Finché il campo era piccolo si poteva fare: man mano che diventava più grande mi allontanavo sempre più dalla porta e ho detto ‘No, mi dispiace, questo non è più il mio posto’”. (Intervista a goal.com)

5) La sua squadra del cuore 
“Da piccolo tifavo Inter”. (Intervista a lacasadic.com)

6) I suoi movimenti in campo 

“Mi son trovato bene con Francesco Baldini, mi ha detto che sono un attaccante che deve attaccare la profondità e questo mi aiutato. Prima andavo di più incontro ai compagni, lui invece mi fa attaccare la porta. Da ex difensore poi, mi ha dato qualche dritta su come liberarmi”. (Intervista alla Gazzetta dello Sport e goal.com)

7) L’investitura di Vieri 

“Dopo i primi gol, in direct su Instagram ho trovato un messaggio con la spunta blu: era Vieri, mi ha fatto i complimenti dicendomi di continuare ad allenarmi senza mollare”. (Intervista a  cronachedispogliatoio.it)

8) Il sogno nel cassetto 

“Giocare i Mondiali con l’Italia”. (Intervista a goal.com)

9) Come batte i rigori

“Prima battevo i rigori cercando di scegliere un angolo e calciando forte. Poi ho visto che sbagliavo, e ho cambiato metodo. Adesso vengono bene, ma tocchiamo ferro”. (Intervista a lacasadic.com)

10) Tempo libero 

“Gioco ai videogiochi, il giusto. Prima delle partite metto in riproduzione canzoni che mi possono caricare come quelle di Pop Smoke, ad esempio, mentre quando sono tranquillo ascolto altri generi”. (Intervista a goal.com) ⠀  ⠀LEGGI QUI: Luca Moro a Frosinone, colpo da copertina per il calciomercato giallazzurro.