COPPA ITALIA - I criteri per la formazione del tabellone

21.06.2022 14:30 di Gabriele Rocchi Twitter:    vedi letture
Fonte: Regolamento Coppa Italia da legaseriea.it
COPPA ITALIA - I criteri per la formazione del tabellone
TUTTOmercatoWEB.com

Niente più sorteggio per determinare le sorti delle squadre che affronteranno il lungo cammino della Coppa Italia. Dalla stagione 2021/22, e per le due successive, il tabellone della seconda competizione nazionale verrà stilato attraverso il cosiddetto "ranking sportivo" che - come cita il regolamento ufficiale -  "tiene conto dei risultati sportivi conseguiti dalle 44 società partecipanti nei rispettivi campionati della stagione precedente

In particolare, le società vengono divise in:

- 8 teste di serie, di cui fanno parte la vincitrice della Coppa Italia dell'anno precedente (Inter nel 2022, ndr) e le prime 7 squadre del campionato di Serie A precedente (oppure l'ottava in caso la Coppa Italia sia stata vinta da una squadra già nelle prime 7)

- Seconda fascia (ranking da 9 a 24), ovvero tutte le altre società che hanno preso parte allo scorso campionato di Serie A + le 3 promosse dalla Serie B  (Lecce, Cremonese e Monza) + la perdente dei Playoff di Serie B (Pisa)

Terza fascia (ranking da 25 a 36, quella del Frosinone), le rimanenti società di Serie B classificatesi fino al 16° posto oppure, in caso di Playout, le società di Serie B classificatesi fino al 15° posto più la vincitrice dei Playout (Cosenza).

Quarta fascia (ranking da 37 a 40), con le 4 promosse dalla Serie C alla Serie B (SudTirol, Modena, Bari e Palermo)

- Quinta fascia (ranking da 41 a 44), con le 3 società seconde classificate nei rispettivi gironi di Serie C (Padova, Reggiana e Catanzaro) + la vincitrice della Coppa Italia Serie C (di nuovo Padova, ma subentra la Feralpisalò, ndr)

Ma quando giocheranno le varie squadre? Anche in questo caso, tutto è normato dal nuovo regolamento della Coppa Italia, che prevede l'ingresso scaglionato nella competizione a seconda della fascia di appartenenza, che andrà a stabilire anche se una squadra dovrà giocare la prima gara in casa o in trasferta. In particolare:

- Le 8 teste di serie entreranno a partire dagli ottavi di finale e giocheranno la gara (unica) in casa

- Le squadre di seconda fascia entreranno a partire dai trentaduesimi di finale e giocheranno la gara (unica) in casa

- Le squadre di terza fascia (tra cui il Frosinone, ndr) entreranno anch'esse dai trentaduesimi di finale, ma giocheranno la gara in trasferta

- Le squadre di quarta e quinta fascia dovranno disputare un turno preliminare prima di poter prendere parte ai trentaduesimi. Quelle di quarta fascia giocheranno la partita in casa.

Nella maggior parte dei casi, il numero di appartenenza delle squadre all'interno di ogni fascia viene assegnato tenendo conto della posizione in classifica della stagione precedente nei relativi campionati. Le uniche eccezioni riguardano, come già detto, la vincitrice della Coppa Italia ed eventuali parità di punteggio in classifica, caso in cui si tiene conto della classifica avulsa.

Tutti i turni, ad eccezione della semifinale, si disputeranno in gara unica ed è sempre previsto l'utilizzo del VAR, ad eccezione delle gare del turno preliminare.

In maniera ancora più riassuntiva, andiamo ad elencare tutte le squadre nell'ordine in cui compariranno nelle rispettive fasce

- Teste di Serie: Inter (n.1 perchè vincitrice della Coppa), Milan, Napoli, Juventus, Lazio, Roma, Fiorentina, Atalanta

- Seconda Fascia: Verona, Torino, Sassuolo, Udinese, Bologna, Empoli, Sampdoria, Spezia, Salernitana, Lecce, Cremonese, Monza, Cagliari, Genoa, Venezia, Pisa

- Terza Fascia: Brescia, Ascoli, Benevento, Perugia, Frosinone, Ternana, Cittadella, Parma, Como, Reggina, SPAL, Cosenza

- Quarta Fascia: SudTirol, Modena, Bari (in quest'ordine in base ai punti ottenuti nel campionato di Serie C, rispettivamente 90 - 88 - 75) + Palermo

- Quinta Fascia: Reggiana, Padova, Catanzaro (in quest'ordine in base ai punti ottenuti nel campionato di Serie C, rispettivamente 86 - 85 - 67) + Feralpisalò, che subentra al posto della vincitrice della Coppa Italia Serie C (Padova) in quanto migliore classificata tra quelle non partecipanti alla Coppa Italia maggiore che hanno, allo stesso tempo, preso parte al secondo turno della fase nazionale dei Playoff di Serie C.