CONFERENZA STAMPA - Alessandro Nesta: "Ripartiamo dalla finale playoff per fare un grande campionato e poi vedremo che serie B sarà"

07.09.2020 18:25 di Stefano Martini Twitter:    Vedi letture
CONFERENZA STAMPA -  Alessandro Nesta: "Ripartiamo dalla finale playoff per fare un grande campionato e poi vedremo che serie B sarà"
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Ha parlato in conferenza stampa il tecnico giallazzurro Alessandro Nesta. Queste le sue parole:

Nella scorsa stagione è partito con la difesa a quattro salvo poi passare ad una difesa a tre dopo un confronto con la squadra. Per questa stagione qual è il progetto tattico della squadra? Ne ha già parlato con il Presidente ed i quadri tecnici della società?

"Innanzitutto dobbiamo vedere i calciatori che arriveranno ma nella testa abbiamo in mente di ripartire da dove abbiamo finito, con i moduli che abbiamo provato e adottato negli ultimi mesi"

Mister Quanto è stato davvero vicino a seguire Pirlo alla Juve? O erano solo suggestioni?

"E' un'amicizia che ho con Andrea da tempo e niente, il mio obiettivo è fare il primo all'allenatore e ci sto provando"

Che obiettivo vi ha dato il presidente per questa stagione? 

"Ancora non lo sappiamo, quando finirà il mercato ce lo dirà e cercheremo di accontentarlo

Mister al momento il reparto da sfoltire è l'attacco: dei sette elementi attualmente in rosa, in quanti dovranno andar via per evitare problemi di gestione durante la stagione?

"Non lo sappiamo, il mercato quest'anno è molto difficile e particolare. Sembra che non ci sia molta disponibilità in giro perciò non è semplice piazzare i calciatori o fare altre cose. Noi dobbiamo essere chiari con tutti i giocatori e tutte le persone. Abbiamo del tempo per chiudere il mercato e dovremmo essere bravi a gestirlo in tutti i sensi"

Mister, che tipo di giocatore è il classe 2001, Emin Ghazoini? Ha le potenzialità per imporsi in prima squadra?

"Ha una fisicità importante, vediamo. E' poco che l'abbiam visto, dobbiamo prenderci il nostro tempo per valutarlo"

Mister, dopo la gara a La Spezia aveva detto che quella sconfitta non andava dimenticata ma bisognava portarla in campo la prossima stagione. La voglia di riscatto quindi può diventare un'arma in più?

"Io penso che dobbiamo ricordarcela tutti perché ci siamo andati talmente vicini che è stato un peccato. Essendoci andati vicini c'è rimasto dentro qualcosa: l'amarezza la rabbia e perciò dobbiamo metterlo in campo nella prossima stagione. Dobbiamo ricordarcela perché quando si perde non possiamo lasciar correre ma bisogna fare autocritica e pensare che si poteva fare e magari se ricapiterà bisognerà essere più cattivi"

Chiede anche lei che il Frosinone ritardi di una settimana l'inizio del campionato dopo la finale playoff?

"Stiamo valutando, iniziare dopo ha dei pro e dei meno. Per il mercato magari è meglio iniziare dopo, per non ammucchiare tante partite dopo invece sarebbe meglio iniziare con gli altri. Prenderemo una decisione insieme alla società"

Quali le squadre che le sembrano avere allestito la migliore rosa questa estate in B?

"Le rose sulla carta più competitive, c'è la carta e poi c'è il campo, sono Lecce, Brescia, Monza, Empoli, Spal tante squadre. Quest'anno il campionato di B è un campionato importante"

Mister, più impegnativo rispetto al torneo passato, per il Frosinone entrare nella griglia playoff?

"Bisognerà vedere come sarà ma sulla carta credo che sarà un campionato di B molto difficile. Noi siamo una di quelle squadre che può stare sù, dipende da noi. Io credo che per tutto quello che hanno fatto i ragazzi non dobbiamo pensare a come sarà o come non sarà. Dobbiamo pensare a noi stessi, dobbiamo credere che quella dei playoff era la squadra giusta, forte che può fare davvero di tutto se vuole. Ho ringraziato i giocatori a fine partita con lo Spezia perché hanno emozionato tutti, ripartiamo da lì per fare un grande campionato e poi vedremo che serie B sarà"