Benevento, Vigorito su Caserta: "Questo sarà l'anno del rispetto delle regole"

19.06.2021 15:30 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: tmw
Benevento, Vigorito su Caserta: "Questo sarà l'anno del rispetto delle regole"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com

Giornata di presentazione ufficiale a Benevento come nuovo tecnico per Fabio Caserta. In conferenza stampa ha preso la parola anche il presidente del club sannita Oreste Vigorito. Ecco quanto raccolto da OttoPagine: "Questo è l'anno in cui ci inventiamo un'altra parola. Due anni fa abbiamo detto insieme che è il simbolo di questa presidenza. Non la rinneghiamo, ma ne aggiungiamo un'altra: quella del rispetto delle regole. Non che prima non ci fossero, ma si impara ed è giusto applicare ciò che si è imparato. Ho chiesto a Caserta di sposare un progetto che il club ha avuto sempre in mente. C'è la sufficiente consapevolezza di aver scelto la persona giusta. Come presidente mi riferisco soprattutto alle qualità umane. Quelle tecniche le ha giudicate il direttore sportivo che mi ha accompagnato su mia richiesta. Non ha mai pensato di andare via. Ha lavorato dal primo giorno del dopo come se fosse il primo giorno del prima. Su mia richiesta è rimasto a Benevento perché avrebbe messo a disposizione il suo contratto se io fossi stato scontento della sua attività. Foggia fa parte del Benevento come direttore sportivo. Questa società non ha la figura di direttore generale che sarà svolta direttamente dal presidente. Ci sono le competenze dell'allenatore, dell'ufficio stampa, del direttore sportivo e da qui ad andare avanti. Ognuno sarà responsabile della propria attività all'interno di un gruppo che sa stare insieme. Questo sarà un anno importante. L'ubriacatura passa e poi si mettono i piedi per terra, facendoci capire ciò che sta vivendo l'umanità. La società ha sempre lavorato dando il meglio per il territorio solo per passione, mai per interesse. E' giusto ricevere gli applausi quando ci sono così come le critiche. Lo vogliamo ancora”.