Il bel gesto di Stefani: mette a disposizione casa sua per i medici

Il presidente Balata loda l'iniziativa del capitano del Pordenone: "esempio di grande cuore".
29.03.2020 10:15 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: legab
© foto di Antonio Ros/Pordenone Calcio
Il bel gesto di Stefani: mette a disposizione casa sua per i medici

In un periodo di estrema difficoltà per il Paese, ognuno di noi cerca di fare al meglio la sua parte. Tutti, nessuno escluso. Anche i calciatori che, pur da casa, provano a mettersi a servizio della comunità. Ecco allora il gesto, bellissimo, di Mirko Stefani, capitano del Pordenone, che ha messo a disposizione del personale sanitario del Covid Hospital di Jesolo (Venezia) il proprio appartamento nella località balneare dell’alto Adriatico. Un gesto solidale che permetterà già nelle prossime ore a medici e infermieri inviati di rinforzo per far fronte all’emergenza Coronavirus, di avere a disposizione un supporto logistico. “Vogliamo ringraziare il calciatore e la sua famiglia – ha detto il direttore generale dell’Ulss 4 Veneto Orientale Carlo Bramezza – perché permettono al personale di avere a disposizione un immobile nelle vicinanze dell’ospedale, garantendo così il doveroso riposo quando finiscono i turni in corsia“. L’appartamento di Stefani si trova sul lungomare di Jesolo ed è uno dei pochi, tra quelli messi a disposizione, a essere dotato di impianto di riscaldamento. Il difensore della società neroverde non ha voluto rilasciare ulteriori dichiarazioni in merito. La sua offerta era stata lanciata tramite social network la scorsa settimana: “Metto a disposizione il mio appartamento per qualunque operatore sanitario in cerca di un appoggio. Se qualcuno ha bisogno contattatemi in privato, grazie“. L’Azienda sanitaria veneta ha raccolto la proposta e dopo un sopralluogo ha perfezionato il comodato gratuito, che partirà a breve.

Applaude l’iniziativa il presidente Balata che fa i complimenti a Stefani per il gesto di grande cuore che dimostra l’attenzione nei confronti della comunità.