Ecco come il 'Benito Stirpe' ha ricordato Giulia Cecchettin e tutte le vittime di femminicidio

28.11.2023 05:00 di Andrea Pontone Twitter:    vedi letture
Ecco come il 'Benito Stirpe' ha ricordato Giulia Cecchettin e tutte le vittime di femminicidio
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com

Già da diversi anni, in occasione del 25 novembre (giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, istituita dall'ONU), la Lega Serie A partecipa alla nobile iniziativa #UnRossoAllaViolenza. Il rosso è il colore del sangue versato dalle vittime di violenza e del cartellino che nel calcio significa "espulsione", estratto nei confronti di chi infrange le regole. In vista della 13^ giornata di campionato (con Frosinone-Genoa e altre nove partite in programma) era già previsto che calciatori, allenatori e arbitri si tingessero la guancia di rosso. Dopo la tragica scomparsa di Giulia Cecchettin, il cerimoniale è stato più intenso. Lo speaker del 'Benito Stirpe' ha chiesto un applauso per Giulia e tutte le vittime di femminicidio, sia prima dell'inizio del match che durante l'intervallo. I capitani a bordocampo - prima dell'incontro - hanno letto un messaggio, invitando gli uomini alla responsabilità, indossando una maglietta bianca con scritto "Il calcio dice NO alla violenza contro le donne".