Castellacci (Lamica): "La ripartenza è una grande vittoria, fermarsi di nuovo sarebbe una tragedia. Sulla quarantena..."

02.06.2020 15:30 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: Tmw
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Castellacci (Lamica): "La ripartenza è una grande vittoria, fermarsi di nuovo sarebbe una tragedia. Sulla quarantena..."
"Diciamolo, la ripartenza dei campionati è già una grande vittoria. Buona parte del merito va alla Figc che non si è fermata ai primi ‘no’ e ai muri che la politica ha alzato in questi mesi". Dalle colonne del Corriere dello Sport, il professor Enrico Castellacci, storico medico della Nazionale azzurra ed attuale presidente della Libera Associazione Medici Italiani del Calcio (Lamica), commenta la decisione di far riprendere i campionati. "Sta ripartendo il mondo, i locali si riempiono, i negozi riaprono, nelle strade scorre vita. Mi sembra giusto che anche un’industria importante come quella del calcio abbia le stesse possibilità - ha aggiunto Castellacci -. Quarantena? Se volontà federale e volontà politica coincidono e se tutti hanno scelto di andare avanti, come sembra, perché non pensare a una riduzione della quarantena a sette giorni? Soltanto così il campionato potrebbe andare avanti. Le condizioni sanitarie del Paese continuano a migliorare, bisogna accorciare i tempi del ritiro fiduciario dove comunque la squadra, escluso il positivo, continuerebbe ad allenarsi ma senza poter giocare. Quattordici giorni sono troppi e la normativa del ministero della salute è del 21 Febbraio. Nel frattempo è mutato lo scenario. La diminuzione della curva epidemiologica ci porta a sperare che non ci saranno nuovi contagi. Potrebbe però accadere il contrario, specialmente quando ripartirà il campionato e ogni turno si muoveranno 3.000 persone in 10 diverse città tra calciatori e addetti ai lavori. Cominciare è un successo, fermarsi di nuovo sarebbe una tragedia”.