CONFERENZA STAMPA - Fabio Grosso: "Per la sfida di domani chiedo Grande coraggio, grande determinazione, grande senso di appartenenza e grande energia"

08.04.2022 15:12 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    vedi letture
CONFERENZA STAMPA - Fabio Grosso: "Per la sfida di domani chiedo Grande coraggio, grande determinazione, grande senso di appartenenza e grande energia"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Alla vigilia di Frosinone-Cremonese ha parlato mister Grosso in conferenza stampa

Mister Grosso, sembra che la squadra abbia perso un po’ la spensieratezza con la quale affrontava le gare nella prima parte di stagione. Crede che ci sia troppa pressione e aspettativa da parte dell’ambiente?

"E' stata una seconda parte di stagione diversa dalla prima perchè abbiamo avuto tanti impegni ravvicinati e quando succede questo non è facile preparare le gare. Anche nel girone di andata, quando era capitato di giocare partite ravvicinate, avevamo fatto un pizzico di fatica perché sono situazioni alle quali ci si deve abituare facendole e noi ci siamo abituati quest'anno a farle con tanti interpreti. Non è stato facile il percorso di questo tour de force, siamo incappati in qualche errore  e qualche errore chiaramente ogni tanto di toglie qualcosina. Ma io di questo gruppo, lo ripeterò fino alla fine, sono orgoglioso di quello che ha fatto e di quello che sta facendo, al di là dei risultati non belli che sono arrivati alcune volte. Sarò sempre orgoglioso perché siamo stati in grado di fare un campionato bellissimo, di costruirci questo futuro altrettanto bello e di avere la possibilità di raggiungere un traguardo impensabile all’inizio e che adesso può essere anche concreto, ovviamente facendo dei grandi sforzi come li abbiamo fatti e mettendo dentro tutte le nostre qualità come le abbiamo sempre messe anche se a volte non si è visto. E provando a fare questo guizzo finale perché sono convinto che se fossimo capaci di raggiungere i playoff, avremmo le qualità importanti per dare fastidio alle altre squadre. E le altre squadre lo sanno”.

Gare come quella di sabato si preparano da sole visto che arriva la prima in classifica. Lei cosa chiederà ai suoi ragazzi per riscattare le ultime sconfitte?

“Chiedo quello che ho sempre chiesto in ogni gara. Grande coraggio, grande determinazione, grande senso di appartenenza e grande energia per affrontare una gara difficilissima contro la capolista. Una squadra molto forte, anche loro avranno qualche assenza ma credo che andremo ad affrontare una delle squadre migliori del campionato. Sono primi, la migliore squadra del campionato non si può dire perché in testa si sono alternate molte squadre. Ce ne sono 6 molto forti, noi ne incontreremo ancora 2 in questo rush finale in cui ripeto che abbiamo le qualità per prenderci quello che era insperato ad inizio stagione”.

Ci descriva la Cremonese. Quali sono le caratteristiche degli avversari e quale sarà prevedibilmente il tema tattico della partita. Sta pensando anche a qualche variazione tattica per venire fuori da questo momento complicato?

“La Cremonese ha fatto un ottimo campionato, gli faccio i complimenti perchè mi sono piaciuti molto nelle partite che ho potuto vedere. Squadra giovane e frizzante, con tanti elementi giovani e bravi. Alternano tanti giocatori, hanno fantasia in avanti, hanno attaccanti di livello e sono in grado di esprimere un bel gioco con ritmo e intensità. Per noi non sarà una partita facile ma possiamo renderla difficile anche a loro. Per quanto riguarda la seconda parte della domanda, nei post gara si pensa sempre che si poteva fare qualcosa di diverso ma ultimamente non stiamo stravolgendo niente, sto cercando di fare le scelte più normali possibili. Non mi va di pensare a chi non ci sarà domani, mi va di pensare a chi ci sarà. E se tutti dovessero recuperare le energie, probabilmente inizieremo la gara con Minelli in porta, in difesa Brighenti, Gatti, Szyminski e Cotali, a centrocampo 3 tra 4 Ricci, Rohden, Lulic e Boloca e davanti avremo Canotto, Zerbin e Ciano. Con alle spalle tanti ragazzi interessanti che ci auguriamo possano presto diventare i nuovi Zerbin, Boloca, Lulic, Gatti ed altri”.

Chi recupererà per la gara di sabato?

“Ho appena risposto, ne abbiamo tanti fuori. E’ in dubbio ancora Novakovich che mi auguro possa rientrare, non è ancora arrivato al campo. Agli infortunati si aggiunge anche Cicerelli ma recupereremo gli squalificati della partita scorsa”.

Si aspetta che i calciatori con più esperienza diano quel qualcosa in più per uscire da questo momento di difficoltà?

“So quello che mi stano dando i ragazzi. Nell’ultima gara il capitano era Brighenti, ha fatto una partita ‘piena’, di cuore, dando tutto quello che aveva. Ha fatto una partita che dobbiamo fare sempre. Poi ovviamente quando vinci le gare si vede un po’ di più di quando le perdi ma io resto sempre orgoglioso di avere tra le mani dei bonus che ad inizio stagione non ci erano stati chiesti”.

Lei nel 2018 prese il posto proprio di Fabio Pecchia sulla panchina del Verona. Che allenatore ritrova oggi?

“Ho fatto i complimenti prima e glieli rifaccio adesso. Lo conosco personalmente e sono contento del percorso che ha fatto e che sta facendo. Gli faccio un grandissimo ‘in bocca al lupo’”.