INTERVISTA TF - Amedeo Di sora (Corriere dello sport): "Ad Avellino gara ostica. Novembre potrebbe essere positivo come ottobre"

04.11.2016 12:30 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:   articolo letto 802 volte
© foto di Federico Gaetano
INTERVISTA TF - Amedeo Di sora (Corriere dello sport): "Ad Avellino gara ostica. Novembre potrebbe essere positivo come ottobre"

Momento di grazia per il Frosinone di mister Marino che dopo un avvio non esaltante sembra aver trovatola quadratura del cerchio. Per parlare del momento giallazzurro la redazione di TuttoFrosinone.com ha contattato il giornalista del Corriere dello sport Amedeo Di Sora

Avellino in crisi,  Frosinone in stato si grazia domenica che partitati aspetti di vedere? 

"E' una gara in trasferta e come tale sicuramente non sarà una passeggiata. Mi aspetto una gara difficile già di per sè con l'Avellino che gioca in uno stadio particolare dove c'è una grande spinta del pubblico di casa. Questa situzaione delicata dei padroni di casa potrebbe giocarci a favore come a sfavore, dipenderà da come scenderanno in campo gli uomini di Toscano. Di sicuro sarà una battaglia come tutte le trasferte, ma ad oggi è difficile prevedere come andrà il match. Mi aspetto comunque di vedere un Avellino tignoso in campo"

Dopo Perugia il Frosinone ha cambiato marcia, cambiata la mentalità oppure decisivo è stato il passaggio al 4-4-2?

"Credo che le cose non accadano per caso, se il Frosinone ha cambiato marcia è certamente dovuto ad entrambi i fattori. I fischi contro il Perugia hanno fatto bene alla squadra, l'hanno svegliata poichè dopo anni di applausi non sentirsi più cosi gradificati ha dato la scossa a tutta la rosa. Ricordiamoci che la Curva Nord ha applaudito questi ragazzi anche nel giorno della retrocessione, dunque i fischi hanno lasciato il segno. Ad inizio stagione la squadra ancora non aveva assorbito tatticamente i voleri del mister e dunque faticava in campo anche per questa ragione. C'è però stato dopo la gara con il Perugia sia uno scatto mentale che degli aggiustamenti tattici"

Daniel Ciofani e Dionisi stanno trascinando il Frosinone con i loro gol, credi che presto arriverà il momento di Cocco oppure la coppia d'attacco non può essere divisa?

"Innanzitutto aggiungerei alla lista dei trascinatori in zona gol anche Paganini che nelle ultime due gare ha segnato insieme a Daniel i gol decisivi per vincere le gare contro Spal e Cesena. Cocco l'abbiamo visto ancora troppo poco a Frosinone, è partito titolare solamente in due occasioni e quando ha giocato ha avuto a disposizione pochi palloni per mostrare il suo valore. Non mi permetto ancora di dare un giudizio su questo giocatore poichè se Marino l'ha voluto fortemente il giocatore vale.E' vero che l'anno scorso non ha avuto un grande rendimento ma due anni fa proprio con il tecnico siciliano è stato il capocannoniere della cadetteria. Spero che entri presto in condizione e possa essere un'ottima riserva, Ciofani e Dionisi non potranno giocare tutte le partite dunque Cocco sarà utile alla causa"

Dopo un mese di ottobre più che positivo cosa ti aspetti dalle prossime quattro gare?

"Ottobre è stato un mese eccezionale dal punto di vista dei risultati grazie anche al fatto che abbiamo giocato le ultime due gare in casa. A Novembre invece non sarà cosi perchè saranno due trasferte e due gare casalinghe, il calendario sembra non metterci di fronte avversari imbattibili ma le insidie sono sempre dietro l'angolo. Le trasferte contro Avellino e Novara saranno sicuramente ostiche ma il Frosinone potrebbe ugualmente fare risultato. Al Matusa poi arriveranno Ascoli e Ternana due avversari non di primissima fascia dove si potrà fare bottino pieno. E' presto per dirlo perchè le gare vanno giocate ma il Frosinone in questo mese potrebbe allungare il trend positivo"

Serie B che sembra nolto equilibrata. Credi che fino alla fine fatta eccezione per l'Hellas si manterrà questo equilibrio? 

"La serie B è sempre stato un campionato molto equilibrato, l'Hellas senza dubbio è una delle migliori se non la migliore squadra attualmente della categoria ma personalmente non sono tra quelli che credono in un campionato già chiuso a Natale. Le insidie sono sempre dietro l'angolo e ci sono per tutti dunque anche il Verona potrebbe incappare in un periodo no. In questo inizio di stagione è stata molto fortunata e aiutata, anche nella gara contro di noi. Fino alla fine sarà un campionato equilibrato, ad oggi non si possono fare pronostici ma solo impressioni, quando arriveremo a febbraio marzo allora si potrà fare distinzioni tra chi si giocherà la promozione diretta e chi i play off. Al momento anche il Frosinone è una delle canditate a disputare almeno play off ma ripeto che il campionato è ancora molto lungo. Ripeto, ora non si possono fare pronostici e l'Hellas non avra di certo vità facile"