CONFERENZA STAMPA - Moreno Longo: "Samp squadra forte ma noi dobbiamo giocare con la testa libera"

14.09.2018 13:15 di Stefano Martini Twitter:   articolo letto 899 volte
Fonte: Angelo Battisti
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
CONFERENZA STAMPA - Moreno Longo: "Samp squadra forte ma noi dobbiamo giocare con la testa libera"

Moreno Longo in conferenza stampa:

"Non esistono partite abbordabili, la Sampdoria è una squadra forte, costruita per raggiungere obiettivi importanti. Giocheremo la partita per vincere, tre punti sarebbero fondamentali. La Sampdoria ha un'identità ben precisa ed una grande organizzazione. È una squadra che palleggia bene soprattutto tra le linee, noi dobbiamo essere bravi a contrastarli. Temo lo loro armonia di gioco, è una squadra costruita bene da Giampaolo e difficile da affrontare. È un ottimo collettivo, poi ci sono i singoli come Quagliarella che in qualsiasi momento possono risolvere la partita. Noi dobbiamo giocare da squadra e sfruttare le nostre qualità. 

Formazione? Valutiamo lo stato di forma di Cassata e Hallfredsson che hanno giocato con le nazionali e sono rientrati per ultimi. Vediamo domani.
Ciofani e Campbell sono recuperati ma partiranno dalla panchina, siamo felici perche abbiamo ritrovato due giocatori di grande livello. Tutti sono a disposizione, fuori causa restano Paganini e Dionisi, oltre a Gori che il 28 settembre avrà una visita specialistica, per ottenere l'ok definitivo al ritorno alla piena attività agonistica

Non abbiamo parlato di sentenze e di possibili penalizzazione, noi siamo concentrati solo sul campo. Siamo sereni e tranquilli. Una prova video può far capire che quel pallone buttato in campo non ha influito sull'azione del Palermo. Domani giochiamo finalmente in casa e noi siamo solo concentrati sulla Sampdoria

Non dobbiamo avere paura ma coraggio, per vincere una partita non devi limitarti al compitino, dobbiamo essere liberi di testa ed avere personalità. Abbiamo le armi per fare male alla Sampdoria

Dobbiamo trasformare i pronostici in energia positiva. Frosinone merita rispetto per quello che ha fatto negli ultimi anni. È una società modello per il calcio italiano

Il calendario? Dobbiamo avere bene in testa il percorso di una squadra che si deve salvare. Non dobbiamo guardare il calendario, certo da ottobre affronteremo squadre con obiettivi simili al nostro. Dobbiamo pensare solo a noi. Dobbiamo andare avanti con la cultura del lavoro e dobbiamo cercare di fare punti contro ogni squadra, in ogni partita senza alcun limite. Dobbiamo essere veloci ad entrare in questa categoria"