CONFERENZA STAMPA - Moreno Longo: "Servirà la massima attenzione. Voglio il passaggio del turno"

11.08.2018 12:39 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: Stefano Martini
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
CONFERENZA STAMPA - Moreno Longo: "Servirà la massima attenzione. Voglio il passaggio del turno"

Alla vigilia di Frosinone Sudtirol ha parlato il tecnico giallazzurro Moreno Longo. Queste le sue parole:

"Ciano? È partito dalla panchina con il Real Betis mentre sulle altre si è sempre alternato con Dionisi. In questo momento anche in Coppa diamo la possibilità a Federico di partire dall'inizio perché anche per struttura va in condizione prima di Ciano. Come ho già detto però che la differenza dall'anno scorso la coppia di attaccanti si costruirà nel corso della tempo in base a tanti aspetti. Tutti devono dare la disponibilità per il bene del Frosinone

Altro attaccante? Ragiono con quello che ho e per il momento ho quattro attaccanti forti di cui sono contenti. 

M. Ciofani? È un ragazzo che in questo momento potrebbe essere in uscita perché ha delle trattative in corso ma di definitivo non c'è nulla. In questo momento anche per una questione psicologica scelgo di far giocare un ragazzo che ha la certezza di restare a Frosinone come Ghiglione. Matteo l'anno scorso ha fatto una grande stagione e sono felice di questo ma psicologicamente al momento potrebbe essere distratto da altre soddisfazioni

Vincere domani per giocare con il Torino? Per me l'importante è vincere domani, che eventualmente potremmo affrontare il Torino è un passo successivo. La Coppa Italia ha dimostrato di riservare sorprese dunque dovremmo essere concentrati. La mentalità si crea vincendo e per questa ragione dobbiamo pretendere sempre il massimo. Passando il turno potremmo dare la possibilità di far giocare quei giocatori che a dicembre per forza di cose staranno giocando poco

Sudtirol? Squadra molto organizzata che gioca 3-5-2 giocando sempre palla a terra e non a caso ha eliminato il Venezia. In questo periodo considerando la condizione fisica il gap tra le categorie si assottiglia dunque bisognerà dare il massimo

Percentuale della nostra condizione? Abbiamo tanto da lavorare perché quando si cambia tanto bisogna ridefinire abitudini e ricominciare a pensare tutti alla stessa maniera. Noi  quest'anno ripartiamo con un cambiamento radicale e finora abbiamo disputato solo mezze partite. La vera condizione l'acquisiremo solo dopo aver giocato 3-4 gare vere

Iacobucci sotto la curva? È stato un gesto di Dionisi perché dopo i fischi iniziali una parte della tifoseria si era già quasi pentita vista la sua prestazione. Comprendevo i fischi ma poi era giusto riappacificarsi con la tifoseria per mettersi così tranquillamente a disposizione del Frosinone. 

Pressing? Nella preparazione di una partita ci sono sempre delle intenzioni che vengono sempre sviluppate in base a ciò che ti offre l'avversario. Con il Betis volevamo concedere loro poco e sapevamo che quando andavamo in pressing dovevamo farlo bene e con i tempi giusti. In questo lasciar fare la gara a loro era logico vista la qualità in campo. Contro il Sudtirol proveremo a fare noi la gara ma dipenderà anche tanto dai nostri avversari"