CONFERENZA STAMPA - Alessandro Nesta: “L’obiettivo lo stabile la società. Qui ho trovato ciò che cercavo”

11.07.2019 13:38 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: Stefano Martini
CONFERENZA STAMPA - Alessandro Nesta: “L’obiettivo lo stabile la società. Qui ho trovato ciò che cercavo”

Ha parlato qualche istante fa in conferenza stampa il tecnico del Frosinone Alessandro Nesta. Queste le sue parole:

“Più difficile lavorare sull’aspetto tattico o mentale? Per me il campo non è così difficile, la cosa più importante sarà ricreare motivazioni perché una retrocessione lascia insoddisfazioni. C’è tanta gente un po’ delusa ma ricreare entusiasmo magari anche cambiando modulo può aiutare a fare una buona stagione 

Dionisi ha per me tutto, viene incontro ma ha anche profondità. A Perugia palleggiavamo bassi per dare spazio agli attaccanti. Qui valuteremo in base alle caratteristiche dei calciatori. Abbiamo un attacco importante con tanti calciatori che hanno differenze caratteristiche. Per capire bene i calciatori bisogna allenarli

Le sensazioni? C’è grande entusiasmo soprattutto all’inizio. Qui ho trovato ciò che cercavo

Spero che Ciano resta qui perché per il nostro modulo è un calciatore ideale. Ovviamente non siamo in un carcere dunque se ci saranno occasioni più importanti per lui andrà via. Detto questo il nostro modulo sarà il 4-3-1-2 e la società farà di tutto per permettere a me e al mio staff di far giocare la squadra in una determinata maniera

La rosa è importante e possiamo competere per i primi posti. Non è scontato tornare in A ma dobbiamo provarci. Scendere dalla serie A non è garanzia di successo, bisogna subito calarsi in questa nuova mentalità. L’atmosfera che c’è nel nostro stadio porta anche gli avversari a dare di più, dunque dovremmo dare tutto e non credo che avremmo problemi sotto questo punto di vista

Non credo nelle punizioni e nel controllare i calciatori. Ognuno è responsabile di se stesso. Ho avuto allenatori che una volta che hanno capito che ero un ragazzo a posto mi hanno lasciato molto libero. Non sono io a fare la selezione ma è una cosa naturale. Se non si è professionisti nella vita lo si vede poi sul campo 

Obiettivo? Lo da la società, io sono un dipendete e mi adeguo”