Vincere e convincere, ma ora serve continuità

Dopo la ottima vittoria contro l'Empoli, al Frosinone serve solamente continuità
02.12.2019 16:30 di Matteo Paniccia   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Vincere e convincere, ma ora serve continuità

Quattro a zero non è assolutamente poco, soprattutto se consideriamo che finora, così tanti goal in una partita non li avevamo mai segnati. Anzi, a dirla tutta, non ne avevamo segnati mai cosi tanti su azione.Che l'Empoli non sia una corazzata imbattibile, questo lo si sapeva già prima del calcio d'inizio: sono addirittura otto i turni senza vittorie per i toscani, che sono arrivati a Frosinone trascinandosi dietro problemi pesanti. Ma non per questo è stata una partita facile per Nesta e i suoi ragazzi, anzi, tutt'altro. La squadra di Muzzi è partita bene, controllando il gioco e imponendo alla partita il loro ritmo, però il Frosinone è stato furbo nel sfruttare la prima occasione concessa da una difesa sicuramente rivedibile e ha messo la partita in discesa. E da quel momento sono venuti fuori gli scheletri nell'armadio di una squadra che non sa più vincere, e che non è più riuscita a dimostrarsi pericolosa. Meriti anche di una difesa, quella composta da Brighenti, Ariaudo e Capuano, che ha saputo tenere botta in maniera eccellente.

Tre partite per cambiare il futuro

Una vittoria importante insomma, tre punti che accorciano una classifica che in appena due punti, racchiude la bellezza di otto squadre, tutte dietro a un Benevento sempre più lanciato verso il titolo (sono undici i punti di vantaggio). Davanti ci sono Crotone, Pordenone, Cittadella, Perugia, Ascoli, Chievo e Pescara: la missione non è impossibile, e battere la Juve Stabia in trasferta, potrebbe lanciare un bel segnale; a questa squadra, dopo aver ritrovato il goal, serve ritrovare continuità, la stessa continuità con cui il Benevento sta praticamente scappando in fuga. In fondo, il Chievo è stato già battuto, e Pordenone, Cittadella, Perugia e Ascoli, non hanno nulla in più rispetto a Dionisi e compagni, che nelle prossime tre gare, si giocheranno il loro futuro. Già, perchè dopo la Juve Stabia, ci sono Pescara e Benevento: fare il colpaccio è difficile, ma non impossibile. E un risultato simile a quello ottenuto con l'Empoli, potrebbe ribaltare completamente le cose, aprendo a scenari per ora inimmaginabili.