TIFOSI - Arresti e denunce a seguito degli scontri verificatisi prima dell’incontro di calcio Sora–Pro Cisterna LS Sermoneta.

18.09.2019 16:30 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: Questura di Frosinone
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
TIFOSI - Arresti e denunce a seguito degli scontri verificatisi prima dell’incontro di calcio Sora–Pro Cisterna LS Sermoneta.

Nel pomeriggio di domenica nei pressi dell’impianto sportivo comunale Claudio Tomei si sono verificati dei disordini in occasione della partita di calcio valevole per il campionato di Eccellenza “ASD Sora Calcio – Pro Cisterna LS Sermoneta”.  Prima del calcio di inizio alcuni tifosi del Sora si sono resi protagonisti di intemperanze che hanno coinvolto anche alcuni tifosi provenienti dalla Provincia di Latina. I facinorosi hanno preso di mira inizialmente i tifosi della fazione opposta e poi gli agenti della Polizia di Stato e i Carabinieri impegnati nel servizio di Ordine Pubblico, la cui presenza ha permesso di riportare la situazione all’ordine senza che vi fossero più gravi conseguenze per le persone. Il personale del Commissariato di P.S. di Sora, durante l’attività di contenimento dei tifosi ha subito individuato ed arrestato un giovane del posto che aveva lanciato delle grosse pietre verso i sostenitori della squadra pontina e contro il cordone delle Forze dell’Ordine. L’uomo arrestato in flagranza è stato processato e condannato dal Tribunale di Cassino ad un anno e due mesi di reclusione. Nei suoi confronti il Giudice ha anche disposto il divieto di accesso alle manifestazioni sportive con obbligo di firma. Le indagini non si sono però fermate con il primo arresto. Grazie alla visione dei filmati registrati negli attimi concitati dal personale della Polizia Scientifica e grazie alla collaborazione tra il Commissariato di P.S. di Sora, il Commissariato di P.S. di Cisterna di Latina e le D.I.G.O.S. delle Questure di Frosinone e Latina si è potuti arrivare alla identificazione di altri soggetti. In particolare nella serata di ieri gli agenti si sono recati presso le abitazioni di alcuni tifosi pontini ed hanno proceduto all’arresto in differita, come previsto dalla normativa in materia, di un ventottenne per il reato di lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive. Per lo stesso reato veniva denunciato in stato di libertà un minorenne mentre un terzo uomo veniva denunciato per il reato di rissa aggravata. Negli scontri un Carabiniere riportava una ferita ad una gamba giudicata guaribile in 5 giorni.

Sono in corso ulteriori accertamenti allo scopo di identificare altri responsabili dei fatti accaduti e sono iniziate le procedure per l’emissione del Divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive per tutti i tifosi che hanno partecipato agli scontri.