Spezia la sesta squadra italiana per dominio del gioco

19.11.2019 15:30 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: articolo di cittadellaspezia.com
© foto di Federico Gaetano
Spezia la sesta squadra italiana per dominio del gioco

Lo Spezia è la sesta squadra in Italia per capacità di giocare nella trequarti avversaria senza lasciare altrettanta libertà agli avversari. Potrà suonare strano a chi guardi la classifica della serie B senza aver visto giocare i bianchi, ma è proprio così. Quella che è una sensazione netta per chi frequenta il Picco è stata messa in numeri da quelli di Instasport e in graduatoria dagli analisti svizzeri del CIES Football Observatory. Con il necessario preambolo che Dominating opponents does not always lead to success: "Dominare gli avversari non sempre porta al successo". Definizione che sembra tagliata sullo Spezia nel caso italiano (o Italiano, con la "I" maiuscola). E che conferma che per gli aquilotti non è tanto una questione di gioco al momento, quanto al massimo di equilibrio e di efficacia agli estremi del campo.
Il report mostra come le squadre migliori d'Europa, nei 35 campionati di prima e seconda serie presi in esame, riescono a massimizzare la propria quota passaggi nel terzo di campo più vicino all'area avversaria e contemporaneamente a concederne pochi nel proprio. Gli aquilotti hanno un rapporto di 1.43: per 121 passaggi completati in attacco ne concedono solo 85 in fase difensiva. Meglio qui da noi fanno solo Crotone (1.97), Juventus (1.83), Napoli (1.69), Atalanta (1.69) e Chievo Verona (1.50). Tutte squadre che, notoriamente, fanno "un bel calcio". Anche per questo forse la partita contro i veneti, nonostante lo 0-0, è stata una delle più interessanti di tutta la serie B 19/20.

La formazione di Vincenzo Italiano si lascia alle spalle grossi calibri: Lazio (1.32), Milan (1.31), Roma (1.29), Inter (1.28) e via dicendo. E' chiaro che la categoria di differenza rende più complicato esprimesi a grandi livelli ed è altrettanto evidente che i risultati non sempre vanno di pari passo. Il Pisa (0.65), l'Ascoli (0.65) e il Pordenone (0.72) sono in fondo a questa graduatoria secondo lo studio, eppure lo Spezia ci ha preso zero punti sfidandole. Un dato che pare confermare come, soprattutto in cadetteria, la capacità di giocare in difesa per lunghi tratti e poi sfruttare al massimo le sortite in avanti (seppur poche) rimanga una chiave per fare punti.
A livello europeo eccelle il Manchester City di Pep Guardiola con un rapporto di 3.55, ma in Premier è in testa il Liverpool che si ferma a 1.90. Seguono poi l'Ajax (3.43), i Rangers Glasgow (3.03), lo Shakhtar Donetsk (2.88), il PSG (2.62) e così via. Il Club Brugge di David Okereke fa il vuoto in Belgio con 2.26 staccando nettamente il Genk a 1.53. Teste voltate quasi sempre verso il proprio portiere per i tifosi degli scozzesi dell'Hamilton Academical (0.39), del Newcastle (0.41), dell'Augsburg (0.43) e dei bulgari del Vitosha (0.45). Nei bassifondi a livello continentali un'unica italiana: il Lecce (0.56).