Serie A, le normative per le gare a porte chiuse

08.08.2018 18:30 di Andrea Pontone Twitter:   articolo letto 976 volte
Fonte: Comunicato Ufficiale
Serie A, le normative per le gare a porte chiuse

Riguardo all’organizzazione di gare a porte chiuse si impartiscono le seguenti istruzioni generali:

1) non sono ammessi tifosi all’interno dello stadio;
2) sono comunque ammessi all'interno dello stadio, oltre ai calciatori e agli altri componenti lo staff tecnico delle due squadre ammessi al recinto di gioco:
a. i giornalisti, gli operatori radio-televisivi e i fotografi accreditati;
b. il personale con funzioni strettamente connesse all’organizzazione della gara;
c. gli addetti della Sicurezza Pubblica, i VVFF e gli operatori di Pronto Soccorso;
d. le persone diversamente abili e i loro accompagnatori (determinazione n. 7/2007 dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni sportive del Ministero dell’Interno);
e. un numero massimo di 200 persone accreditate da ciascuna società (altri tesserati, dirigenti, ospiti, sponsor).

Al più tardi entro 24 ore dall’inizio della gara:
1. la società ospitata dovrà trasmettere l’elenco dei propri calciatori e degli altri componenti lo staff tecnico, oltre ai nomi delle persone di cui ai punti d) e e) alla società ospitante;
2. la società ospitante dovrà trasmettere l’elenco dei propri calciatori e degli altri componenti lo staff tecnico, oltre ai nomi delle persone di cui ai punti a), b), d) e e), unitamente agli elenchi della società ospitata, di cui al precedente punto 1), al responsabile del G.O.S. (Gruppo Operativo per la Sicurezza);
3. entrambe le società dovranno trasmettere, per conoscenza, i propri elenchi alla LNP Serie A.

Inoltre, il giorno della gara la società ospitante dovrà mettere gli elenchi di entrambe le società a disposizione dei rappresentanti della Procura Federale.