La prima in A per Bertoncini: Stellone trova il suo terzo centrale

05.10.2015 10:00 di Luca Frasacco   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
La prima  in A per Bertoncini: Stellone trova il suo terzo centrale

Lazio Frosinone è stata anche la partita dell’esordio in Serie A di Bertoncini; il classe ’91, cresciuto nelle giovanili del Genoa, dove ha anche vinto uno scudetto primavera, è stato schierato per la prima volta titolare da mister Stellone ieri contro la Lazio. La partita di Bertoncini inizia nel migliore dei modi: Al 5’ respinge subito un tiro pericoloso, qualche minuto dopo però su un cross  spiovente permette a Kishna di colpire di testa, “spizzata” che fortunatamente finisce fuori dallo specchio della porta. Al 20’ si prospetta un’altra occasione pericolosa, Djordjevic infatti è abilissimo nell’infilarsi tra la coppia dei due centrali del Frosinone: sia Bertoncini che Blanchard permettono l’inserimento: la palla però è troppo veloce, e Leali anticipa tutti. Un’altra deviazione importante del numero 69 avviene negli istanti successivi sul tiro di Felipe Anderson, azione che successivamente terminerà in calcio d’angolo. Il duello con Felipe Anderson proseguirà nel corso della partita: l’avversario andrà spesso a pressare sul centrale in fase di possesso palla, l’abilità di Bertoncini starà nel continuare a impostare con assoluta freddezza.

Nel secondo tempo si trova a ribattere un tiro fortissimo di Basta, poi sarà provvidenziale ad anticipare il colpo di testa di Parolo. Non può quasi nulla sul gol del vantaggio di Keita, non riuscendo ad arrivare sulla traiettoria del tiro causa l’inserimento davvero rapido dello Spagnolo. Discutibile la decisione (presa in collettivo con la difesa) di avanzare in gruppo su una delle ultime azioni della gara, scelta che è costata il K.O. finale dopo il contropiede biancoceleste,  probabilmente le responsabilità maggiori sono da affidare allo sterile cross di Leali. Già nel pre-campionato, Bertoncini aveva fatto vedere ottime giocate, specialmente in Albania contro il Teuta, causa un lungo infortunio, non è riuscito a giocare spesso durante la scorsa stagione, ma dopo la buona prestazione dell’Olimpico regala a Stellone un’alternativa in più in difesa.