L'EDITORIALE - C'è molto per essere ottimisti! Ma adesso nervi ben saldi!

12.03.2018 10:39 di Tuttofrosinone Redazione Twitter:   articolo letto 466 volte
Fonte: Andrea Mastrantoni
© foto di Federico Gaetano
L'EDITORIALE - C'è molto per essere ottimisti! Ma adesso nervi ben saldi!

Il Frosinone a Palermo perde un'altra gara e soprattutto il primato in classifica di questo campionato che tutto e tranne che banale. Una sconfitta che sulla carta poteva starci ma che non preclude affatto quanto di buono si sta realizzando.

Ha pienamente ragione il direttore Ernesto Salvini che nell'immediato dopo-gara (da navigato dirigente sa bene che e meglio intervenire quando si perde che quando si vince) ha espresso dei concetti chiari e lungimiranti che in sintesi esprimevano questo concetto: Abbiamo perso una battaglia ma la guerra possiamo ancora vincerla noi!

Chiaramente la sconfitta brucia, se non altro perché il Frosinone non sta viaggiando in questo ultimo mese certamente a ritmi esagerati, anzi! Longo forse dovrà riflettere su alcune scelte ma l'impianto di gioco è buono, anzi ottimo. 

L'impressione comunque (e questa l'abbiamo sempre avuta) è che questa squadra sia assolutamente retta dallo strapotere tecnico di alcuni suoi elementi e quando si bloccano o non riescono a tirar fuori dal cilindro la giocata spettacolare si fa fatica. C'è da fare insomma un monumento ad alcuni giocatori (Ciofani e Ciano su tutti) perché la loro forza sta trascinando questa squadra in classifica. 

La lotta per la promozione diretta in Serie A è assolutamente complicata se si considera che comunque vada una tra Frosinone Empili e Palermo dovra per forza di cose essere tagliata fuori alla fine, ma il Frosinone ha tutte le potenzialità per uscirne bene! Come del resto pero' le aveva la scorsa stagione a questo punto del campionato. Ecco perché dunque l'importante ora è esclusivamente riuscire a mantenere i nervi saldi. Il campionato adesso si deciderà più su questo aspetto che su quello tecnico. Andranno in A direttamente le squadre piu calme e che sapranno gestire meglio le tensioni. Che il Frosinone sia fortissimo tecnicamente nessuno ormai lo mette in dubbio!

E il direttore Salvini lo ha compreso, ecco il perché di quelle parole al termine del match di Palermo. La sfida per la A diretta si gioca tutta sui nervi.