Italia, Mancini: "Torneremo a divertirci. Nel 2021 proveremo a vincere l'Europeo"

22.03.2020 15:30 di Andrea Pontone Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Italia, Mancini: "Torneremo a divertirci. Nel 2021 proveremo a vincere l'Europeo"

"Probabilmente saremo un po’ arrugginiti, ma basterà oliare un po’ la catena e pedaleremo come prima". Non fa drammi Roberto Mancini quando riceve la notizia del rinvio dell'Europeo dal 2020 al 2021 a causa dell'emergenza Coronavirus. Il commissario tecnico della Nazionale mantiene alta la fiducia, anche in vista del prossimo anno, raccontando come vive queste settimane: "Nelle settimane scorse ho chiamato qualche giocatore, specie quelli infortunati e in dubbio. Ho lavorato sulle amichevoli con Inghilterra e Germania e ho cominciato a impostare l’Europeo. E’ stato cancellato tutto. Confesso che la botta della delusione l’ho sentita. Mi sono fermato", le sue dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport.

L'isolamento del numero uno della Nazionale non è molto diverso da quello di tutti gli altri: "Ogni giorno faccio un po’ di sport sul terrazzo. Leggo, mi tengo informato alla televisione. Dopo cena le ore si fanno un po’ più lungo. L’altra sera ho visto Don Matteo... Ma io penso sempre positivo. Sono convinto che a maggio il campionato ripartirà, recupereremo la nostra normalità e io potrò incontrare negli stadi tutti i miei giocatori e riunire in qualche modo la Nazionale. Dopo quello che è successo, i giocatori avranno così voglia di giocare che l’entusiasmo compenserà la stanchezza. Sono convinto che torneremo a divertirci".

Temi d'attualità, più di uno, quelli trattati da Mancini nel corso dell'intervista, a cominciare da quello legato al taglio degli stipendi che potrebbe esser chiesto ai calciatori, attualmente fermi per causa di forza maggiore: "Inutile prendere decisioni ora. Aspettiamo. L’ho detto, io penso positivo, sono sicuro che il campionato ripartirà e verrà completato. Allora, se si giocheranno tutte le partite, il problema avrà meno peso. I calciatori hanno comunque il senso di responsabilità per rispondere nel modo giusto alle eventuali esigenze. Ci abbiamo perso tutti, partiamo da questo. Poi è chiaro che il recupero di un giocatore dalle caratteristiche uniche come Zaniolo è importante e che i tanti giovani che abbiamo, tra un anno, saranno cresciuti in esperienza. Cresceranno i giovani di Italia, Francia e Inghilterra? E anche quelli di Olanda, Germania e Spagna che si sono rinnovate. Infatti, tra un anno, io mi aspetto un Europeo di altissimo livello, di grandissima qualità. Proveremo a vincere un grande torneo".