Il finale di Frosinone-Cittadella: minuti di sofferenza, passati col fiato sospeso

11.06.2018 13:30 di Luca Frasacco  articolo letto 1030 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Il finale di Frosinone-Cittadella: minuti di sofferenza, passati col fiato sospeso

Tanti minuti di sofferenza, passati col fiato sospeso, quelli che hanno separato il Frosinone dal raggiungimento della finale play-off. Dal 75', momento del gol di Kouame fino al recupero prolungato per l'infortunio di Matteo Ciofani (poi tornato a giocare gli ultimi istanti di partita). Minuti di sofferenza che hanno forse portato molti tifosi a domandarsi un "Che succederà?" che hanno fatto scaricare nell'urlo finale dello stadio una rabbia trattenuta fino al triplice fischio e condita da quel sentimento di paura che già, forse è meglio non nominare perché a detta di Moreno Longo "la paura non esiste, e chi la nomina è come se l’avesse dentro", e nessuno dovrà più nominarla ora che in due partite contro il Palermo di Stellone ci si giocherà il sogno di due anni passati in Serie B. Non dovrà prendere il sopravvento, ora che sappiamo com'è fatta, e come combatterla. Prima una trasferta insidiosissima, poi il ritorno dove ci si potrebbe giocare tutto. Niente P.... Niente.