Frosinone, l’orgoglio e la bella prova non bastano: l’Udinese fa 3-2 e passa il turno di Tim Cup

 di Andrea Pontone Twitter:   articolo letto 1826 volte
© foto di Federico Gaetano
Frosinone, l’orgoglio e la bella prova non bastano: l’Udinese fa 3-2 e passa il turno di Tim Cup

Un vero peccato. La trasferta giallazzurra di Udine si riassume con tre parole che rispecchiano in pieno l’andamento della gara del ‘Dacia Arena’. I padroni di casa passano il turno contro il Frosinone. Lo fanno vincendo 3-2, passando sempre in vantaggio, pur costretti a vedere la compagine ciociara come una vera e propria spina nel fianco.

Partono a razzo i bianconeri, che con De Paul, Jankto e Thereau si rendono pericolosissimi. Bravo Massimo Zappino, che respinge le sortite avversarie con autorevolezza. È al 31’ che i friulani passano in vantaggio, con il francese Thereau che di testa su assist di Pezzella trova la rete dell’1-0. Pochi minuti dopo esce fuori l’orgoglio ciociaro: Mirko Gori sfodera dalla distanza un tiro micidiale che s’insacca all’angolino. Gol meraviglioso del centravanti frusinate, che trova il pari. Su questo parziale si conclude il primo tempo.

Nella ripresa il Frosinone tenta subito il forcing offensivo: Soddimo e Daniel Ciofani sfiorano il vantaggio canarino. Poi, d’improvviso, arriva il colpo di coda della squadra di Delneri: sbaglia Zappino, che regala a Lasagna un pallone a porta vuota grazie al quale l’ex-Carpi trova il 2-1 friulano. I giallazzurri spariscono dal campo e ne approfitta Jankto per siglare il tris. Poi si sveglia il Frosinone, ma è troppo tardi: Crivello entra e fa gol. E il finale si svolge sul filo della follia.

Negli ultimi minuti di gara la formazione di Longo gioca un finale forsennato, spendendo tutte le proprie energie senza, però, riuscire ad agguantare il pari. Sfuma in questo modo il passaggio del turno, che conquista invece l’Udinese di Delneri. Con il merito di essere molto più concreta del Frosinone.