Capozucca: "Mercato? Ci stiamo muovendo in linea con le risorse"

09.08.2018 16:30 di Andrea Pontone Twitter:   articolo letto 1173 volte
© foto di Federico De Luca
Capozucca: "Mercato? Ci stiamo muovendo in linea con le risorse"

Intervistato da TMW, il consulente dell'area tecnica giallazzurra Stefano Capozucca ha affrontato l'argomento calciomercato: "Il Frosinone si sta muovendo in linea con i suoi mezzi e le sue risorse, con molta attenzione in un mercato difficile. Grazie agli sforzi del Presidente, con sofferenza è stata conquistata la Serie A e c’è la volontà di mantenere la categoria".

Cosa farete sul mercato?
"Vorremmo cambiare un po’ il volto della squadra. I precedenti calciatori hanno avuto il merito di portare in serie A la squadra e gli va dato atto. Se il Frosinone gioca in Serie A è merito di chi ha giocato l’anno scorso. Quest’anno però dobbiamo affrontare un campionato molto difficile. Faremo parte di quelle quattro-cinque squadre in lotta per la salvezza. E quindi sarà necessario apportare dei cambiamenti. La società è sana sotto ogni aspetto. Tecnico, economico e morale. E quando sei a posto l’approccio è più semplice. Questo è un vanto per Frosinone e i suoi tifosi".

Siete su Ardaiz. Quante possibilità di arrivare al giocatore?
"È un giovane molto interessante. È un pensiero. Vediamo...".

Pazzini un'idea?
“Ci vengono attribuiti molti giocatori. Stiamo monitorando tanti calciatori, non tutti sono alla portata del Frosinone. Non smentiamo e non confermiamo. Leggo però che al Frosinone sono stati accostati tanti nomi, tra cui per esempio Cerci che è un giocatore dalle ottime qualità ma non ci interessa".

Trotta profilo che seguite?
"No. Perché abbiamo preso Perica, un calciatore fortemente voluto".

Comunque da qui alla fine sarete protagonisti...
"Dobbiamo fare ancora qualche operazione per mettere a posto la squadra e dare a Longo un organico che possa affrontare un campionato difficilissimo".

Avete valutato Rafael per la porta?
"Abbiamo due portieri importanti. Sportiello e Bardi che ho avuto anche a Livorno e ha buone qualità. Rafael lo conosco bene avendolo avuto a Cagliari, non è un secondo ma un primo perché è un professionista serio. Quando l’ho preso dal Verona c’era qualche perplessità, ma ha saputo convincere tutti con le sue prestazioni. In più ha grandi doti morali. Un valore aggiunto per chiunque lo prenda".