C'è che ormai che ho imparato a sognare, non smetterò...

16.05.2018 15:00 di Andrea Pontone Twitter:   articolo letto 956 volte
C'è che ormai che ho imparato a sognare, non smetterò...

Novanta minuti per sognare. L'ultimo atto della regular season canarina vedrà uno stadio pieno, stracolmo, addobbato con le sciapre giallazzurre, ornato a festa e desideroso di gridare al cielo quella frase che - proprio l'anno scorso di questi tempi - restava strozzata in gola. E non voleva andar giù. Il Foggia si recherà allo 'Stirpe' consapevole di non avere nulla da perdere: i rossoneri se la giocheranno a viso aperto (e questo potrebbe essere un bene), di certo non andranno a barricarsi davanti all'area di rigore. Ma solo e soltanto per quei novanta minuti, serve dare l'anima: una vittoria basta e avanza, bisogna far di tutto per raggiungerla. Affinché, tutti insieme, si possa realizzare il sogno.