INTERVISTA TF - Gabriele Margani: "Il Frosinone è in credito con gli episodi arbitrali. E su Kone..."

11.01.2018 12:00 di Marco Barbaliscia  articolo letto 1096 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
INTERVISTA TF - Gabriele Margani: "Il Frosinone è in credito con gli episodi arbitrali. E su Kone..."

Nel mezzo del cammin della stagione, il Frosinone si ritrova secondo in classifica, a due punti dalla capolista Palermo. E' tempo di primi bilanci in terra ciociara: nonostante le squadre siano ferme per la sosta, sono tanti i temi che occupano le pagine dei quotidiani sportivi, uno su tutti i colpi di mercato. Per parlare di questo e tanto altro è intervenuto in esclusiva ai microfoni di 'tuttofrosinone.com' Gabriele Margani, direttore di 'atuttapagina.it'. Queste le sue parole.

Direttore, si è concluso da pochi giorni il girone di andata: un bilancio. Il Frosinone è nella posizione che gli spetta o è orfano di qualche punto?

«Credo che la classifica attuale rispecchi i valori delle squadre impegnate in campionato. Il Palermo è superiore a tutti, mentre il Frosinone ha un piccolo ma importante margine di vantaggio su una formazione quanto meno di pari livello come l'Empoli e su un Bari che per l'ennesima volta punta alla promozione. I giallazzurri, comunque, possono recriminare su più di una decisione dei direttori di gara e dei loro assistenti: al momento la squadra di Longo è in credito con gli episodi arbitrali».

Siamo nel calderone del calciomercato: in ottica Frosinone si parla soprattutto di Kone, Chibsah e Mustacchio. Chi le piacerebbe vedere in terra ciociara e chi, secondo lei, è più adatto al gioco di mister Longo?

«L'arrivo di Koné mi intriga molto: è un elemento in grado di far compiere un ulteriore salto di qualità alla squadra. Su Chibsah nutro maggiori dubbi: non sono convinto che possa essere il tipo di giocatore che serva al Frosinone. Quanto a Mustacchio, si tratta di un esterno che farebbe al caso di Longo, che lo conosce bene: però credo che si voglia prima verificare il recupero di Paganini».

Guardando i numeri, però, le difficoltà in questa prima parte di stagione sembrano essere più nel reparto arretrato: secondo lei il Frosinone ha bisogno di rivedere qualcosa in difesa?

«Qualitativamente il Frosinone ha una difesa di primissimo livello, almeno nei tre titolari Terranova, Ariaudo e Brighenti. Credo che a loro sia mancato il necessario "filtro" del centrocampo, con il solo Gori chiamato a dare una mano alla fase difensiva. L'ingaggio di un mediano con caratteristiche da interditore servirà proprio a fornire maggiore copertura alla squadra».

Dopo la sosta si ripartirà dalla Pro Vercelli, squadra di cui mister Longo ha un piacevole ricordo. Le insidie maggiori sono costituite dall'undici piemontese o magari dal Frosinone stesso?

«Guai a sottovalutare l'avversario, chiunque esso sia: la Serie B, in questo senso, è spietata. Però il Frosinone ha la capacità e la forza di iniziare il 2018 nel miglior modo possibile. Sarebbe fondamentale anche per dare continuità alle ultime due vittorie dello scorso anno».